Il valore del Tempo della Storia

L’importanza della Storia è qualcosa di imprescindibile nella vita degli uomini: la Storia è un bene culturale e umano; attraverso essa è possibile comprendere meglio i tratti dell’intera umanità e le azioni, individuali o collettive, che hanno portato a determinati avvenimenti.

Ma, di tutte le ragioni per cui la si dovrebbe studiare, la più valida è forse quella che essa ci consente di analizzare il presente attraverso la sua lente.

Questo è quello che si propone di fare il Tempo della Storia, un concorso offerto dall’omonima associazione culturale che interessa gli studenti del quarto e quinto anno delle scuole superiori della provincia di Pavia. Ogni anno si trattano alcune delle principali tematiche del Novecento, attraverso approfondimenti tenuti da docenti universitari, al termine dei quali è possibile partecipare ad un esame scritto e uno orale. Per coloro che superano entrambe le prove è previsto un viaggio della durata di una settimana in alcuni dei luoghi protagonisti del secolo passato, accompagnati dai medesimi professori.

Noi abbiamo partecipato alla passata edizione del concorso che, a causa della pandemia da Covid-19, ha avuto un’organizzazione particolare: le conferenze sono state caricate su YouTube e affiancate da lezioni su Zoom in cui era possibile rivolgere delle domande ai docenti. La selezione, in questo caso, comprendeva solo un esame orale che abbiamo sostenuto da remoto.

Il periodo storico su cui si è basata la nostra prova è stato “Dall’avvento del nazismo in Germania alla caduta del Muro di Berlino (1933-1989)” e, per noi e gli altri vincitori, il viaggio studio, che si dovrebbe svolgere nei prossimi mesi, avrà come mete Vienna, Cracovia e Auschwitz.

Partecipare al Tempo della Storia non solo ti dà la possibilità di fare un’esperienza all’estero visitando nuovi luoghi, ma anche di conoscere quegli aspetti della storia del Novecento che nei programmi scolastici vengono spesso trascurati, ma che ancora oggi influenzano profondamente il nostro quotidiano; inoltre, affrontare una prova di questa tipologia fornisce una prima esperienza di esame universitario davanti ad una commissione che valuta esclusivamente la prestazione di quel momento.

Per entrambi il concorso è sembrato un ottimo stimolo anche in vista della quinta superiore, durante la quale affronteremo lo stesso periodo storico. Durante il nostro percorso di studio ci troveremo consapevoli, quindi, non solo del quadro generale, ma anche di quegli aspetti apparentemente secondari che più hanno caratterizzato e influenzato il corso della Storia contemporanea. Abbiamo apprezzato le tematiche affrontate e come sono state presentate, la possibilità di riascoltare le conferenze è stata di grande aiuto per comprendere al meglio gli argomenti in vista dell’esame. Affrontare una prova di questa portata non è semplice ma con impegno e studio, e soprattutto pensando al viaggio, la vittoria può essere a portata di chiunque e la soddisfazione che ne consegue, credeteci, è impagabile.

Davide Ferrari, Francesca Viola  –  5BLS